Home » Blog » I test sulle intolleranze alimentari di NatrixLab
nutrisan2014

I test sulle intolleranze alimentari di NatrixLab

NatrixLab al Nutrisan di Bolzano

NatrixLab, che da più di un decennio opera nel settore della diagnostica sulle intolleranze alimentari, parteciperà con un proprio stand al Nutrisan, la manifestazione su intolleranza alimentare e corretta alimentazione in programma a Bolzano dal 7 al 9 novembre 2014.

L’approccio di Nutrisan al concetto di ‘salute’ non è esclusivamente terapeutico, ma riguarda gli aspetti della prevenzione e del comportamento consapevole, allo scopo di diffondere la cultura di una corretta alimentazione e incrementare la qualità di vita per persone con intolleranze alimentari.

I settori dell’esposizione sono sei:

  1. Alimenti per intolleranti e allergici;
  2. Alimenti per particolari fasi della vita;
  3. Alimenti speciali per problemi di salute legati all’alimentazione;
  4. Functional/fortified food;
  5. Integratori naturali, tisane, erbe e fitoterapia;
  6. Attrezzi terapeutici.

In tale contesto, pensato sia per medici e farmacisti sia per persone con intolleranze alimentari o allergie, NatrixLab sarà a disposizione allo Stand A04/13 per informazioni sui propri test diagnostici.

I test sulle intolleranze alimentari di NatrixLab

Sono quattro in particolare i test di NatrixLab oggetto d’attenzione a Nutrisan, ovvero:

  1. Food Intolerance Test
    Le intolleranze alimentari (o forme allergiche ritardate) sono da associare a una vasta tipologia di sintomi che può interessare tutte le fasce d’età. Il Food Intolerance Test di NatrixLab, che si avvale della metodica ELISA, è disponibile nelle pannellature da 46, 92, 184 alimenti.Nel referto è incluso l’elenco degli alimenti, con a fianco di ciascun elemento non tollerato un istogramma che indica l’intensità della reazione nei confronti delle proteine alimentari caratteristiche di quel particolare alimento.Una volta eseguito il test, NatrixLab può anche fornire al paziente il protocollo alimentare per il recupero della tolleranza, che prevede dapprima l’eliminazione totale degli alimenti rilevati nel test, per proseguire poi con una graduale reintroduzione degli alimenti nella dieta.
  2. Celiac Test
    Il Celiac Test di NatrixLab, che si avvale della metodica ELISA ed è affidabile anche nei bambini a partire da un anno di età, permette di valutare la presenza di intolleranza permanente al glutine mediante il dosaggio degli anticorpi di classe G e A (IgG e IgA).Occorre osservare che la celiachia è una patologia sottostimata: in Italia si stima che vi siano poco più di 70.000 celiaci noti, a fronte di un numero reale valutato di circa 500.000 interessati.Eseguire il test in modo tempestivo e la conseguente adozione di un regime alimentare privo di glutine portano a un miglioramento e alla remissione totale della sintomatologia.
  3. Gluten Sensitivity Test
    I soggetti che soffrono di disturbi intestinali ed extra-intestinali correlati all’assunzione di glutine, ma che non sono né celiaci né allergici al frumento, rientrano in quella ‘zona grigia fra salute e celiachia’ oggi definita ‘sensibilità al glutine non celiaca’, di cui abbiamo diffusamente parlato in questo articolo.
    NatrixLab è fra i primi in Italia a proporre il Gluten Sensitivity Test, che sempre basandosi sulla metodica standardizzata ELISA, una volta esclusa la diagnosi di celiachia, offre un alto grado di sensibilità per i marcatori di sensibilità al glutine presi in analisi.
    Anche in questo caso, NatrixLab offre, a seguito della diagnosi di sensibilità al glutine, un collaudato protocollo di recupero tolleranza, che offre benefici in tempi rapidi (già dal primo mese si assiste alla regressione della sintomatologia) e previene il possibile instaurarsi della vera e propria malattia celiaca.
  4. Dysbio Check
    Lungo il tratto digestivo staziona un’enorme quantità di batteri, a costituire un vero e proprio organo, il microbiota.Il tipo ed il numero di batteri intestinali contribuiscono a determinare lo stato di benessere o malessere dell’apparato digerente e dell’intero organismo.Con il termine Disbiosi s’intende l’alterazione della microflora, prevalentemente batterica, che alberga nell’intestino e causa sintomi estremamente variabili che rappresentano oggi un forte disagio sociale.
    Il Dysbio Check di NatrixLab è un test indiretto rileva la presenza nelle urine di due metaboliti del triptofano (e quindi derivati da un’incompleta digestione proteica), denominati Indicano e Scatolo, consentendo di verificare l’eventuale presenza di fenomeni fermentativi e/o putrefattivi a livello intestinale.

Guarda anche

raffigurazione-microbiota-intestinale

Intestino sano con l’esame del Microbiota Intestinale

Alterazione della flora batterica intestinale Sono miliardi gli organismi che popolano il nostro intestino. Stiamo ...

Lascia una risposta

it en