Ultime notizie

Inflammation Check

Cos’è e a cosa serve?

kit_feci_nuovoL’intestino è quotidianamente soggetto ad un lieve grado di infiammazione, dovuto alla presenza di batteri che mantengono attiva l’immunità al proprio interno; il problema è quando il grado di infiammazione intestinale aumenta a punto tale da non essere più un fattore positivo, ma arriva a cronicizzare, per portare poi all’insorgenza di patologie infiammatorie intestinali croniche.

La più benigna e comune è sicuramente la sindrome del colon irritabile, o comunemente chiamata “colite”. Questo disturbo è causato da una infiammazione della mucosa intestinale, ad eziologia spesso sconosciuta, ma aggravata da cattive abitudini alimentari, stress, stile di vita inadeguato.

I sintomi del colon irritabile sono:

  • Crampi addominali
  • Stitichezza alternata a diarrea (irregolarità intestinale)
  • Presenza di muco nelle feci
  • Meteorismo
  • Gonfiore addominale
  • Alitosi
  • Digestione lenta e faticosa

Nell’Inflammation Check, attraverso l’analisi della Calprotectina, è possibile rilevare e quantificare eventuali processi flogistici a carico della mucosa intestinale: valori aumentati si ritrovano in soggetti con disturbi intestinali come la sindrome del colon irritabile (IBS), diarree, dolori addominali ricorrenti, o altre patologie infiammatorie intestinali croniche (morbo di Chron e colite ulcerosa).

Chi lo dovrebbe fare?

infiammazione_intestinaleConsigliamo di fare questo esame nel caso tu avvertissi uno o più sintomi tipici dell’infiammazione intestinale, vale a dire:

  • Gonfiore, diarrea, crampi
  • Presenza di intolleranze alimentari, celiachia, intolleranza al lattosio
  • Alterata consistenza delle feci
  • Cattiva digestione, difficoltà digestive
  • Bruciori, gonfiori, tensioni addominali
  • Malassorbimento dei nutrienti

Inoltre può essere utile per il monitoraggio di patologie infiammatorie croniche intestinali già diagnosticate (morbo di Chron, retto colite ulcerosa).

Come e dove eseguire il test?

Il test viene effettuato mediante analisi su un campione di feci, e può essere richiesto nei laboratori di analisi, nei centri medici e nelle medical spa che propongono i servizi di diagnostica NatrixLab.
Preparazione all’esame: Le feci devono essere le prime del mattino. Raccogliere i campioni a distanza di almeno 7 giorni dall’ultima terapia antibiotica, non assumere lassativi, antidiarroici, antiacidi.

…e una volta fatto il test?

In caso di test positivo è consigliabile il parere di uno specialista in grado di fornire un supporto terapeutico mirato.

Desideri un percorso nutrizionale personalizzato per il tuo benessere intestinale?

Rivolgiti al centro in cui hai fatto il test e attiva il tuo percorso nutrizionale mediante Telenutrizione, la piattaforma di telemedicina che ti metterà in contatto diretto con i servizi medici e gli specialisti della nutrizione Natrix.

Approfondisci e attiva il servizio

Ripetizione del test

In caso di test positivo, si consiglia di ripetere il test dopo 2/3 mesi, dopo aver seguito un trattamento adeguato. In caso di monitoraggio terapeutico o di patologia, si consiglia di ripetere il test secondo il suggerimento del medico che ha prescritto il test.
In caso di difficoltà nell’interpretazione del referto, o di patologie in corso, è consigliabile il parere di uno specialista in grado di fornire un supporto terapeutico mirato.

 

Test correlati

Test correlati

Inflora Scan

immagine_inflora_scanÈ il test più completo per il benessere intestinale, e comprende: Dysbio Check, Pro-Flora Check, Parasitology Check, Inflammation Check, Permeability Check, Digestion Check.
Valuta il microbiota intestinale, lo stato infiammatorio dell’intestino, le capacità digestive e la permeabilità intestinale.

Guarda i dettagli

Permeability Check

permeabilità intestinale
Il Permeability Check permette di valutare l’integrità della barriera intestinale e la permeabilità intestinale attraverso il dosaggio fecale della Zonulina, una proteina prodotta dalla mucosa intestinale danneggiata che modula le giunzioni strette degli enterociti, le cellule che costituiscono la parete intestinale.
Guarda i dettagli

Food Intolerance Test

Il “Food Intolerance Test” (test per le intolleranze alimentari, abbreviato F.I.T.) è una valutazione immunoenzimatica di intolleranza verso 46, 92 e 184 alimenti con l’impiego della metodica ELISA standardizzata, e consente di individuare quali sono le proteine alimentari contro le quali l’organismo ha reazioni avverse.
Guarda i dettagli

Gluten Sensitivity & Celiac Test


Il Gluten Sensitivity & Celiac Test determina la presenza dei marcatori di sensibilità al glutine, per rilevare la presenza di sensibilità al glutine non celiaca. Consente inoltre di individuare con elevata sensibilità e specificità la possibile positività alla malattia celiaca.
Guarda i dettagli

Bibliografia

  • Tibble, et al., A simple method for assessing intestinal inflammation in Crohn’s disease, in Gut, vol. 47, 2000, pp. 506-513.
  • Aadland, Fagerhol, Faecal calprotectin: a marker of inflammation throughout the intestinal tract., in Eur J Gastroenterol Hepatol, vol. 14, nº 8, 2002, pp. 823-825.
  • Van Rheenen, et al., Faecal calprotectin for screening of patients with suspected inflammatory bowel disease: diagnostic meta-analysis., in BMJ, vol. 341, c3369, 2010.
it en