Home » Gamma dei test diagnostici » Benessere intestinale » Helicobacter Pylori Test

Helicobacter Pylori Test

Cos’è e a cosa serve?

kit_feci_nuovoL’Helicobacter pylori è il patogeno umano più diffuso al mondo, e si trasmette, verosimilmente, per via oro-gastro-fecale, anche se non si è riusciti a dimostrare la crescita in ambienti come l’acqua o vettori animali.

Il rischio di infezione aumenta con l’età, a partire dai vent’anni nei Paesi più sviluppati, mentre è molto più precoce nelle popolazioni a più basso tenore di vita, dove è presente nella maggioranza dei bambini in età prescolare.

La presenza dell’Helicobacter pylori nella mucosa gastrica sembra svolgere un ruolo cardine nella genesi di numerose patologie gastro-intestinali, quali gastrite acuta e cronica, duodenite, ulcera peptica, cancro gastrico, linfoma B-MALT.

L’infezione da Helicobacter pylori determina inizialmente una gastrite acuta, con ipocloridria gastrica, che facilita ulteriormente la colonizzazione batterica. Se non eradicata, l’infezione determina una gastrite cronica attiva, che inizia a livello dell’antro gastrico, per poi estendersi al resto dello stomaco.

L’Helicobacter Pylori Test permette di valutare la presenza dell’antigene dell’Helicobacter pylori in campioni di feci, il cosiddetto HpSA.

Chi lo dovrebbe fare?

helicobacter_pylori_testL’Helicobacter Pylori Test è consigliato a tutti, per valutare il benessere e lo stato di salute dello stomaco e per prevenire numerose patologie, ma soprattutto è consigliamo in caso di presenza di sintomi come:

  • Bruciore nella regione epigastrica, soprattutto a stomaco vuoto e nelle prime ore del mattino;
  • Reflusso gastro esofageo;
  • Nausea, vomito;
  • Perdita di appetito.

Come e dove eseguire il test?

L’Helicobacter Pylori Test viene effettuato mediante analisi su un campione di feci, e può essere richiesto nei laboratori di analisi, nei centri medici e nelle medical spa che propongono i servizi di diagnostica NatrixLab.
Preparazione all’esame: raccogliere i campioni a distanza di almeno due settimane dall’ultima terapia con antimicrobici, inibitori della pompa protonica e i preparati farmacologici a base di bismuto che possono interferire con l’esame.

…e una volta fatto il test?

Dal 1996 le linee guida internazionali hanno stabilito che la terapia standard di prima linea è rappresentata da 7-10 giorni di trattamento con un inibitore della pompa protonica (PPI), più amoxicillina e claritromicina.

La maggior parte delle persone che completa con successo la terapia antibiotica combinata riesce a liberarsi dal batterio, con una percentuale di guarigione che raggiunge circa l’80-90% delle persone colpite. La terapia non rende immuni dal batterio, quindi c’è sempre il rischio di essere reinfettati, rischio che viene stimato in circa l’1% dei pazienti per anno.

In caso di positività qualunque tipo di trattamento deve essere intrapreso dopo opportuna consultazione con il proprio medico curante.

Desideri un percorso nutrizionale personalizzato per il tuo benessere intestinale?

Rivolgiti al centro in cui hai fatto il test e attiva il tuo percorso nutrizionale mediante Telenutrizione, la piattaforma di telemedicina che ti metterà in contatto diretto con i servizi medici e gli specialisti della nutrizione Natrix.

Approfondisci e attiva il servizio

Ripetizione del test

In caso di positività, il test è da ripetere in base alle indicazioni dello specialista che ha prescritto la terapia.

Test correlati

Test correlati

Inflora Scan

immagine_inflora_scanÈ il test più completo per il benessere intestinale, e comprende: Dysbio Check, Pro-Flora Check, Parasitology Check, Inflammation Check, Permeability Check, Digestion Check.
Valuta il microbiota intestinale, lo stato infiammatorio dell’intestino, le capacità digestive e la permeabilità intestinale.

Guarda i dettagli

Pro Flora Check

microbiota intestinale
Il Pro-Flora Check permette di valutare la presenza di uno squilibrio del microbiota intestinale con un metodo diretto, che si basa sulla coltura dei microorganismi che abitano fisiologicamente il nostro intestino e concorrono all’assorbimento e alla digestione degli alimenti consumati.
Guarda i dettagli

Bibliografia

  • European Helicobacter Pylori Study Group. Current European concepts in the management of Helicobacter pylori infection. The Maastricht Consensus Report. Gut 1997;41:8-13.
  • Cullen KP, Broderick BM, Jayanthi J. Evaluation of a new enzyme immunoassay HpSA method for the detection of Helicobacter pyloriantigen in stool spe-cimens. Gut 2000; 47: A122.
  • Lucio Trevisani, Loredana Simone, Vincenzo Matarese,Viviana Cifalà, Sergio Sartori, Vincenzo Abbasciano:Test fecale per la diagnosi di infezione da Helicobacter pylori: argomento di ricerca o realtà? Vol. 96, N. 6, Giugno 2005 Pagg. 271-277.
  • McColl KE, El-Omar EM, Gillen D. Interactions between H. pyloriinfection, gastric acid secretion and anti-secretory therapy. Br Med Bull 1998; 54: 121-38.
  • El-Omar EM, Penman ID, Ardill JE, Chittajallu RS,Howie C, McKoll KE. Helicobacter pylori infection and abnormalities of acid secretion in patients with duodenal ulcer disease. Gatroenterology 1995; 109: 681-91.
  • Logan RP, Walker MM. ABC of the upper gastrointestinal tract. Epidemiology and diagnosis of Helicobacter pylori infection. BMJ 2001; 323: 920-2.
it en