Ultime notizie

In Flora Scan

Cos’è e a cosa serve?

kit_benessere_intestinale_02L’In Flora Scan è il nostro test per il benessere intestinale.
I disturbi intestinali sono attualmente un problema sociale che interessa più del 70% della popolazione.
L’alimentazione moderna favorisce gli squilibri e le infiammazioni a danno del benessere intestinale perché è caratterizzata da un consumo eccessivo di carboidrati raffinati, a discapito di alimenti ricchi di fibre. Inoltre, con il costante aumento dei consumi di cibi confezionati e prodotti raffinati industriali, la situazione non può che peggiorare.

Anche lo stile di vita, con pasti spesso consumati velocemente, in maniera irregolare mentre si è alle prese con i problemi di tutti i giorni può influire in modo significativo sul nostro benessere intestinale.
L’In Flora Scan di NatrixLab è un test completo per la valutazione del microbiota, dello stato infiammatorio dell’intestino, delle capacità digestive e della permeabilità intestinale.

È possibile richiedere il profilo completo oppure alcuni dei parametri specifici, ovvero:

  • Dysbio check: valutazione dell’equilibrio del microbiota intestinale tramite l’analisi di metaboliti prodotti dalla flora batterica: indicano e scatolo su campione di urine.
  • Pro-flora check: analisi microbiologica per l’identificazione di microrganismi che costituiscono la flora batterica residente nell’intestino.
    Valutazione di Lattobacillus spp, Bifidobacterium spp, Escherichia coli, Enterococcus spp, Gruppo PMP (Proteus spp, Morganella spp, Providencia spp), Streptococcus spp, Gruppo KES (Klebsiella spp, Enterobacter spp, Serratia spp) su campione di feci.
  • Parasitology check: analisi microbiologica per l’identificazione delle principali specie parassitarie che si trovano nell’intestino, come amebe, flagellati, Nematodi e Cestodi.
    La presenza di parassiti intestinali impedisce il corretto assorbimento dei nutrienti e il corretto smaltimento delle tossine.
  • Inflammation check: valutazione di calprotectina fecale; una significativa presenza viene riscontrata nei soggetti colpiti da patologie infiammatorie croniche.
  • Permeability check: valutazione di α1-antitripsina su campione di feci. Una corretta permeabilità intestinale previene l’insorgenza di intolleranze alimentari e carenze nutrizionali. La permeabilità intestinale è compromessa nei soggetti con infiammazioni intestinali.
  • Digestion check: in caso di disbiosi, intolleranze alimentari e infiammazioni intestinali, il nostro apparato digerente, in particolare l’intestino, non è in grado di metabolizzare al meglio gli alimenti. Il Digestion check permette di testare i prodotti della digestione ed assorbimento intestinale, l’elastasi pancreatica, esame completo feci, sangue occulto.

Chi lo dovrebbe fare?

Test per il tuo benessere intestinaleLa sintomatologia riconducibile a un rischio per il benessere intestinale è molto varia, e spesso le persone combattono una vita intera per capire quale sia la causa prima del proprio malessere.
Ti consigliamo questo test, che è uno screening completo dello stato di benessere del tuo intestino, se hai riscontrato uno o più di questi sintomi:

  • Presenza di intolleranze o allergie alimentari
  • Diarrea o stipsi, o irregolarità intestinale
  • Colon irritabile e patologie croniche intestinali (Morbo di Chron, rettocolite ulcerosa, ecc…)
  • Gonfiori, tensioni e crampi addominali
  • Flatulenza e aerofagia
  • Infezioni genitali ricorrenti (candidosi, cistiti)
  • Malassorbimento dei nutrienti
  • Difficoltà digestive, alitosi
  • Ritmi frenetici e stili di vita stressanti
  • Dieta sbilanciata, poco varia, ricca di cibi raffinati e grassi e povera di fibre
  • Mal di testa ed emicrania
  • Stanchezza cronica, astenia, difficoltà di concentrazione
  • Stati di ansia e sbalzi di umore
  • Problemi dermatologici
  • Indebolimento del sistema immunitario
  • Terapia antibiotica/farmacologica

Come e dove eseguire il test?

Il test viene effettuato mediante analisi su un campione di feci e urine, e può essere richiesto nei laboratori di analisi, nei centri medici e nelle medical spa che propongono i servizi di diagnostica NatrixLab.
Preparazione all’esame: raccogliere i campioni a distanza di almeno 7 giorni dall’ultima terapia antibiotica. Ove previsto, le urine devono essere le prime del mattino.

…e una volta fatto il test?

Esegui uno screening completo del tuo benessere intestinaleIn caso di problematiche intestinali, e al di là di specifiche terapie prescritte dal medico curante, ricorda che l’alimentazione è la prima arma in tuo possesso per il miglioramento dello stato di salute.

Sia per la prevenzione sia per il miglioramento del benessere intestinale è di fondamentale importanza:

  • Mantenere un sano e corretto stile alimentare andando a correggere le cattive abitudini che sono causa dell’insorgenza e del perpetuarsi dei problemi;
  • Mantenere attiva ed equilibrata la flora batterica intestinale, andando a integrare l’alimentazione con probiotici, prebiotici e fitoterapici in grado di migliorare lo stato della flora batterica intestinale;
  • Mantenere libero il tratto intestinale, andando a favorire un corretto transito intestinale e limitando l’accumulo di scorie.

Desideri un percorso nutrizionale personalizzato per il tuo benessere intestinale?

Rivolgiti al centro in cui hai fatto il test e attiva il tuo percorso nutrizionale mediante Telenutrizione, la piattaforma di telemedicina che ti metterà in contatto diretto con i servizi medici e gli specialisti della nutrizione Natrix.

Approfondisci e attiva il servizio

Ripetizione del test

In caso di esito positivo, ti consigliamo di ripetere il test dopo 3/4 mesi, una volta terminato un trattamento a base di integratori e seguito un corretto regime alimentare. In caso di monitoraggio terapeutico o di patologia si consiglia di ripetere il test secondo il suggerimento del medico curante.

Test correlati

Test correlati

Food Intolerance Test

Il “Food Intolerance Test” (test per le intolleranze alimentari, abbreviato F.I.T.) è una valutazione immunoenzimatica di intolleranza verso 46, 92 e 184 alimenti con l’impiego della metodica ELISA standardizzata, e consente di individuare quali sono le proteine alimentari contro le quali l’organismo ha reazioni avverse.
Guarda i dettagli

Gluten Sensitivity Test


Il Gluten Sensitivity Test determina la presenza dei marcatori di sensibilità al glutine, per rilevare la presenza di sensibilità al glutine non celiaca.
Guarda i dettagli

Cellular Aging Factors

Il “Cellular Aging Factors” determina il profilo dell’invecchiamento cellulare mediante l’analisi di specifici biomarcatori che valutano lo stato di quattro processi chiave dell’organismo: metilazione, infiammazione, glicazione e ossidazione.
Guarda i dettagli

Hormonal Profiles

immagine_hormonal_profiles
Gli “Hormonal Profiles” forniscono informazioni fondamentali per individuare squilibri e fornire consigli mirati: alimentari, nutraceutici, sull’attività fisica, sulla qualità del sonno e sul benessere in generale.
Guarda i dettagli

Bibliografia

  • Yang Y, Jobin C. Microbial imbalance and intestinal pathologies: connections and contributions. Dis Model Mech. 2014 Oct; 7(10):1131-1142.
  • Linskens RK, Huijsdens XW, Savelkoul PH, et al. The bacterial flora in inflammatory bowel disease: current insights in pathogenesis and the influence of antibiotics and probiotics. Scand J Gastroenterol Suppl 2001;234:29-40.
  • Hiratsuka C, Sano M, Fukuwatari T, Shibata K. Time-dependent effects of L-tryptophan administration on urinary excretion of L-tryptophan metabolites. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2014;60(4):255-60.
  • Theede K, Kiszka-Kanowitz M, Nordgaard-Lassen I, Nielsen AM. Faecal calprotectin is a useful biomarker for intestinal inflammation”. Ugeskr Laeger. 2014 Sep 8;176(37).
  • Aidy SE, van den Bogert B, Kleerebezem M. The small intestine microbiota, nutritional modulation and relevance for health. Curr Opin Biotechnol. 2014 Oct 7;32C:14-20.
  • Mearin F, Rey E, Balboa A. Motility and functional gastrointestinal disorders Gastroenterol Hepatol. 2014 Sep;37 Suppl 3:3-13.
  • Rodriguez-Otero P, Porcher R, Peffault de Latour R, Contreras M, Bouhnik Y, Xhaard A, Andreoli A, Ribaud P, Kapel N, Janin A, Socié G, Robin M. Fecal calprotectin and alpha-1 antitrypsin predict severity and response to corticosteroids in gastrointestinal graft-versus-host disease. Blood. 2012 Jun 14;119(24):5909-17.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

it en