Ultime notizie

Parasitology Check

Cos’è e a cosa serve?

kit_benessere_intestinale_02I parassiti sono microrganismi che vivono sulla superficie o all’interno di un altro organismo vivente, traendone i mezzi necessari alla propria sopravvivenza e danneggiandolo.

Se si pensa che siano organismi poco diffusi, si sta commettendo un grave errore di valutazione: in generale i parassiti intestinali colpiscono maggiormente i soggetti immunocompromessi e gli abitanti di Paesi in via di sviluppo a causa delle precarie condizioni igieniche.

Non è escluso però che causa dell’ingestione di cibi contaminati, di un viaggio all’estero o di una particolare situazione clinica un soggetto sano possa contrarre un’infestazione da parassiti intestinali, che penetrano a livello dell’intestino dell’ospite attraverso l’ingestione di cibi crudi, poco cotti o non adeguatamente lavati. Talvolta è l’acqua stessa ad essere un veicolo di trasmissione.

La presenza di parassiti intestinali impedisce il corretto assorbimento dei nutrienti, il corretto smaltimento delle tossine, e può essere causa di infezioni gravi che possono causare una occlusione intestinale.

Chi lo dovrebbe fare?

parassiti_intestinaliL’esame si rivela utile, e spesso necessario, se torni da un viaggio in una zona a rischio, ma è di fondamentale importanza anche per l’identificazione di alcuni parassiti “nostrani”, soprattutto se hai l’abitudine di consumare carne e soprattutto pesce crudi.
I sintomi provocati dai parassiti intestinali sono molto variabili, ma in generale piuttosto lievi e protratti nel tempo. Dipendono dal tipo di organismo infestante, dalle difese immunitarie dell’ospite, dalla localizzazione del parassita e dalla carica.

Fra le sintomatologie più comuni di una parassitosi intestinale annoveriamo:

  • Fame eccessiva ed alterazioni della glicemia;
  • Perdita di appetito e di peso;
  • Mal di stomaco, nausea o vomito;
  • Dolore addominale, costipazione, stipsi, diarrea, alvo alterno;
  • Disturbi della pelle, come prurito acuto, eruzioni cutanee, eritemi;
  • Ansia, depressione e disturbi del sonno;
  • Dolori muscolari o alle articolazioni, brividi;
  • Stanchezza, debolezza, malessere generale;
  • Carenze di ferro, anemia, carenze di vitamina B12 o altri micronutrienti;
  • Disturbi del sistema immunitario con infezioni batteriche o fungine ricorrenti;
  • Sangue nelle feci.

Attraverso il test è possibile valutare in prima istanza un’eventuale infestazione di parassiti intestinali.

Come e dove eseguire il test?

Il test viene effettuato mediante analisi su un campione di feci, e può essere richiesto nei laboratori di analisi, nei centri medici e nelle medical spa che propongono i servizi di diagnostica NatrixLab.
Preparazione all’esame: Le feci devono essere le prime del mattino. Raccogliere i campioni a distanza di almeno 7 giorni dall’ultima terapia antibiotica, non assumere lassativi, antidiarroici, antiacidi.

…e una volta fatto il test?

In caso di test positivo è consigliabile il parere di uno specialista in grado di fornire un supporto terapeutico mirato.

Desideri un percorso nutrizionale personalizzato per il tuo benessere intestinale?

Rivolgiti al centro in cui hai fatto il test e attiva il tuo percorso nutrizionale mediante Telenutrizione, la piattaforma di telemedicina che ti metterà in contatto diretto con i servizi medici e gli specialisti della nutrizione Natrix.

Approfondisci e attiva il servizio

Ripetizione del test

La diagnosi si basa sull’esame macroscopico e microscopico delle feci, da ripetere fino a 3 volte nell’arco di 7-10 giorni in caso di sospetto clinico.

 

Test correlati

Test correlati

Inflora Scan

immagine_inflora_scanÈ il test più completo per il benessere intestinale, e comprende: Dysbio Check, Pro-Flora Check, Parasitology Check, Inflammation Check, Permeability Check, Digestion Check.
Valuta il microbiota intestinale, lo stato infiammatorio dell’intestino, le capacità digestive e la permeabilità intestinale.

Guarda i dettagli

Pro Flora Check

microbiota intestinale
Il Pro-Flora Check permette di valutare la presenza di uno squilibrio del microbiota intestinale con un metodo diretto, che si basa sulla coltura dei microorganismi che abitano fisiologicamente il nostro intestino e concorrono all’assorbimento e alla digestione degli alimenti consumati.
Guarda i dettagli

Inflammation Check

infiammazione intestinale
L'”Inflammation Check” serve a prevenire il cronicizzarsi dell’infiammazione intestinale, disturbo dall’eziologia spesso sconosciuta ma aggravata da cattive abitudini alimentari, stress, stile di vita inadeguato.
Guarda i dettagli

Bibliografia

  • Bernieri F, Crotti D, Galli D, Raglio A. Manuale illustrato di diagnostica parassitologica, Selecta Medica,Pavia 2001.
  • WHO. Bench Aids for the Diagnosis of Intestinal Parasites. WHO, Geneva 1994.
  • NCCLS. Procedures for the Recovery and Identification of Parasites from the Intestinal Tract; Approved Guideline. M 28-A. NCCLS, Waine PAUSA 1997.
  • Petithory JC, Ardoin-Guidon F, Chaumeil C. Amibes et flagelles intestinaux. Amibes oculaires. Leur diagnostic microscopique. Cahier de Formation, Biologie medicale no. 11. Bioforma, Paris France1988.
  • Bernieri F, Galli D, Viti F, “et al.”. Parassitosi enteriche autoctone. Microbiologia Medica 1994; 9: 415-8.
  • Bernieri F, Galli D, Giordano S, “et al.”. Indagine nazionale AMCLI-CoSP sulla diffusione delle parassitosi intestinali. Microbiologia Medica 1996; 11: 463-72.
it en